VIOLENZA ALL’INTERNO DELLE MURA DOMESTICHE, ECCO CHI CONTATTARE

L'emergenza coronavirus non ferma, purtroppo, gli episodi di violenza sulle donne che, confinate fra le pareti domestiche, rischiano di essere ancora più sole.

La casa non è un luogo sicuro per tutti. Certamente non lo è per le donne che sono costrette a vivere con uomini violenti. Le restrizioni in corso, implicando una prolungata condivisione degli spazi con il maltrattante, rischiano di determinare non solo un aumento del numero stesso di episodi di violenza, ma anche un loro aggravamento. Bambini e bambine, quindi, saranno più frequentemente testimoni diretti della violenza sulla propria madre.
Per questo, nel rispetto delle norme previste per limitare la diffusione del virus, rimane attiva la rete di soccorso e accoglienza delle vittime.

  • Numero nazionale gratuito anti violenza e stalking: 1522

Il numero è attivo 24 ore su 24 per tutti i giorni dell'anno con un’accoglienza disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo.. Le operatrici telefoniche dedicate al servizio forniscono una prima risposta ai bisogni delle vittime di violenza di genere e stalking, offrendo informazioni utili e un orientamento verso i servizi presenti sul territorio nazionale. Il servizio mediante l'approccio telefonico sostiene l'emersione della domanda di aiuto, consentendo un avvicinamento graduale ai servizi da parte delle vittime con l'assoluta garanzia dell'anonimato. Il numero è collegato alla rete dei Centri Antiviolenza e alle altre strutture per il contrasto alla violenza di genere presenti sul territorio. Vengono date informazioni sul Centro Antiviolenza più vicino e sui Consultori presenti nel territorio.

  • App gratuita del numero nazionale anti violenza 1522

Scaricando la app del numero nazionale 1522, è possibile chattare in modo silenzioso con le operatrici

Per Android clicca qui
Per IOS clicca qui

  • Centri Antiviolenza
    La Rete dei Centri Antiviolenza della Regione Toscana garantisce la continuità dell’assistenza alle vittime di violenza di genere e stalking anche nell’attuale fase di emergenza sanitaria. I centri antiviolenza sono sempre contattabili telefonicamente.
    Al link sotto tutti i contatti dei centri antiviolenza toscani da utilizzare fino al termine dell’emergenza sanitaria: www.regione.toscana.it/numero1522

Per il Valdarno Inferiore:
Centro Aiuto Donna Lilith 0571725156
Centro antiviolenza Frida Kahlo cell. 3467578833 anche whattapp  
email: centroantiviolenzafridakahlo@gmail.com

  • La Rete Regionale di Codice Rosa - il percorso specifico nei pronto soccorso della Toscana per le vittime di violenza- resta pienamente funzionante. 
  • In ogni situazione di pericolo è possibile contattare i numeri delle Forze dell’Ordine: 112, 113 e anche il 118
  • App gratuita Youpol della Polizia di Stato.
    L’app permette di trasmettere in tempo reale messaggi ed immagini agli operatori della Polizia di Stato; le segnalazioni sono automaticamente georeferenziate, ma è possibile per l’utente modificare il luogo dove sono avvenuti i fatti. Per chi non vuole registrarsi fornendo i propri dati, è prevista la possibilità di fare segnalazioni in forma anonima.
    Per Android clicca qui
    Per IOS clicca qui    
    Per maggiori informazioni: sito della Prefettura