Regione Toscana

Accatastamento dei camini ai sensi della DGRT 222 del marzo 2023

camino

Registrazione gratuita, via Internet o tramite l’apposita modulistica, di pochi dati che servono a segnalare la presenza di uno o più camini o altri generatori di calore presenti nell’abitazione con potenza utile nominale sotto i 10 kW.

Data di Pubblicazione

02 febbraio 2024

Tipologia

News
Caminetti_Sintetico_20231106

ACCATASTAMENTO CAMINETTI (GENERATORI A BIOMASSA)
Perché la Regione ha deciso di porre questo obbligo? La presenza di sostanze inquinanti in atmosfera (ad esempio le polveri sottili PM10) è causa di molti problemi di salute per tutti noi. Tra i principali fattori inquinanti delle nostre città ci sono proprio gli impianti a biomassa. Dati scientifici dicono che un caminetto emette polveri fini PM10 per 840 grammi/giga joule, una stufa a legna 760, una a pellet 29. Pensate che una caldaia a metano (quelle che abbiamo nelle nostre case) emette 0,2 grammi/giga joule. Che significa? Che a parità di energia prodotta un camino aperto inquina quanto 4200 caldaie!

Cosa significa accatastamento?
È una semplice registrazione gratuita, via Internet o tramite l’apposita modulistica, di pochi dati che servono a segnalare la presenza di uno o più camini o altri generatori di calore presenti nell’abitazione con potenza utile nominale sotto i 10 kW. Si tratta SOLO di un censimento utile a Regione Toscana nell’ambito delle politiche adottate per contrastare l’inquinamento atmosferico dovuto alle PM10. N.B.: La scadenza per l’accatastamento è stata prorogata al 31 Luglio 2024.

Se ho una stufa o una caldaia di potenza maggiore a 10 kW?
Non rientra nell’accatastamento introdotto dalla delibera regionale 222 ma è necessario far fare i controlli di Efficienza Energetica, corredati di bollino, dal proprio manutentore di fiducia come prevede la normativa nazionale già a partire dal 2005.

Quali sono le modalità per accatastare?
La procedura è molto semplice, impiega pochi minuti e può essere fatta senza l'ausilio di un tecnico. Sul portale SIERT di Regione Toscana troverà tutte le informazioni utili su come procedere. È possibile procedere alla registrazione con una delle segue modalità.
• SPID o CNS;
• Uffici ARRR S.p.A., sia recandosi fisicamente allo sportello che inviando via email l’apposito modulo cartaceo disponibile sempre sul portale;
• Qualora sia soggetto ad ispezione sull’impianto principale (per esempio caldaia a gas) da parte di un tecnico di ARRR S.p.A.,e vi sia un caminetto, o altro generatore a biomassa con potenza inferiore a 10 kW, potrà provvede il tecnico stesso a rilasciarle il modulo ed a supportarla nella semplice e rapida registrazione;
• Tramite il proprio installatore/manutentore di fiducia registrato su SIERT. Si ricorda, che per generatori installati dal 15 marzo 2023 spetta sempre al tecnico tale adempimento.

Esistono delle eccezioni rispetto all'obbligo di accatastamento?
Si, se il caminetto è dismesso/non in funzione e quindi da considerarsi al pari di elementi/complementi di arredo, oppure, se nell’abitazione non è presente nessun altro impianto di potenza maggiore a 10 kW. Se rientrate in uno di questi due casi è necessario inviare la dichiarazione di esonero (anche questa disponibile su portale SIERT). Non è previsto l’accatastamento di forni o cucine economiche.

Quindi, nessun problema o scadenza imminente, se non lo hai ancora fatto, puoi procedere all'accatastamento andando sul portale https://siert.regione.toscana.it/ sezione “accatastamento camini” o chiedere informazioni al n. verde: 800 15 18 22 o presso tutte le filiali di ARRR SpA.

Autore

Lavori Pubblici
Piazza Remo Bertoncini, 1, 56022 Castelfranco di Sotto PI, Italy
Comune
Ultima modifica: venerdì, 02 febbraio 2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio !

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri